Investigazioni Infedeltà coniugale Agenzia IDFOX Telef.02 344223

Investigazioni Infedeltà coniugale Agenzia IDFOX Telef.02 344223 - Infedeltà Tradimento

Cerchiamo e certifichiamo prove in favore dei nostri clienti per infedeltà del partner, investigazioni matrimoniali, investigazioni coniugali, investigazioni per divorzi, separazione con addebito, separazione per colpa, separazione legale, separazione giudiziale, infedeltà matrimoniale, tradimento, adulterio, assegno di mantenimento, riduzione assegno mantenimento, sottrazione minore ed indagini affido.

Il tradimento comporta il risarcimento danni?

Depressione per infedeltà: il risarcimento spetta solo se la sofferenza è stata insopportabile. 

Di regola, la separazione con colpa (il cosiddetto “addebito”) non implica anche il risarcimento del danno. Le uniche sanzioni per chi viola i doveri del matrimonio sono costituite dalla perdita di due diritti: quello all’assegno di mantenimento e quello a succedere all’ex coniuge in caso del suo decesso. 

Più volte, è stato chiesto alla giurisprudenza se il tradimento comporta il risarcimento danni. E ciò per via dell’indubbio impatto psicologico ed emotivo che la scoperta di un adulterio può avere sul coniuge tradito. 

La questione è stata riproposta proprio di recente alla Cassazione che, con una recente ordinanza [1], ha ribadito la linea interpretativa “tradizionale”. 

Per sapere dunque se il tradimento comporta il risarcimento danni non resta che leggere il contenuto di tale pronuncia per come lo semplificheremo qui di seguito. 

Indice

* 1 Separazione con colpa e risarcimento danni

* 2 È possibile il risarcimento senza addebito

* 3 Il principio del risarcimento danni da separazione

* 4 Approfondimenti

Separazione con colpa e risarcimento danni

Di regola, la depressione per il tradimento del coniuge non può condurre al risarcimento del danno morale, a meno che non vi sia la prova concreta di una sofferenza insopportabile con risvolti gravi sullo stato di salute o sull’onore o sulla dignità personale. 

L’orientamento tradizionale della Corte è sempre stato quello di ritenere non risarcibile il tradimento a meno che non abbia leso uno dei diritti costituzionali della persona. Tra questi, c’è sicuramente l’onore. Per cui l’infedeltà avvenuta in pubblico e con modalità umilianti, tali da compromettere la dignità del coniuge tradito (si pensi a una relazione extraconiugale consumata dinanzi agli occhi di tutti, in società) dà diritto al risarcimento. 

Un altro diritto costituzionale che potrebbe essere leso dall’infedeltà è anche la salute. Ma in questo caso, non basta il semplice turbamento per il fallimento del matrimonio e la depressione per la separazione. La condizione di afflizione indotta nel coniuge deve superare la soglia di tollerabilità e tradursi, per le sue modalità, in un grave sconvolgimento fisico-psicologico. 

Quindi, non è la semplice infedeltà a determinare il diritto a ottenere il pagamento dei danni morali sofferti, ma quel “qualcosa in più” che, come detto, è costituito da una sofferenza insopportabile, la lesione di un diritto fondamentale della persona che trova nella costituzione la sua proclamazione. 

È possibile il risarcimento senza addebito

In questo senso – aggiunge la Corte – è addirittura possibile ottenere il risarcimento dei danni morali anche senza una pronuncia di addebito. Si pensi al caso di chi tradisce il coniuge, con modalità umilianti, quando ormai il matrimonio è naufragato per altre ragioni. In un caso del genere, infatti, non è l’infedeltà la causa della separazione e ciò implica l’assenza di addebito; ma non bisogna neanche sottostimare le modalità con cui è avvenuto l’adulterio che, avendo leso la dignità della vittima, consentirà di ottenere il risarcimento dei danni.

Il principio del risarcimento danni da separazione

Dalla sintesi di questi principi esce fuori la massima che la Cassazione, nella sentenza in commento, ha così sintetizzato: «la natura giuridica del dovere di fedeltà derivante dal matrimonio implica che la sua violazione non sia sanzionata unicamente con le misure tipiche del diritto di famiglia, quale l’addebito della separazione, ma possa dar luogo al risarcimento dei danni non patrimoniali, senza che la mancanza di pronuncia di addebito in sede di separazione sia a ciò preclusiva». A patto, però, che «la condizione di afflizione indotta nel coniuge superi la soglia della tollerabilità e si traduca, per le sue modalità o per la gravità dello sconvolgimento che provoca, nella violazione di un diritto costituzionalmente protetto, quale, in ipotesi, quello alla salute o all’onore o alla dignità personale».

 

Agenzia IDFOX  Investigations  è specializzata nelle indagini a tutela e diritto di famiglia.

Falsa testimonianza per amore: mente al giudice per salvare l'amante

Impiegato incastrato dal detective: condannato

Un detective privato  al lavoro

Tra moglie e marito non mettere il dito, recita un vecchio proverbio, ignorato però dal protagonista di questa vicenda giudiziaria, che ha mentito davanti al giudice per... amore della sua amante. Si tratta di un impiegato lucchese di 50 anni che è stato condannato a un anno e 4 mesi di reclusione, per il reato di falsa testimonianza.

La separazione giudiziale

Passaggi e tempi per porre fine alla convivenza quando non c'è un accordo tra i coniugi. Cosa può decidere il giudice? E quanto si aspetta per il divorzio?

Le cose non sempre vanno come si pensava e, così, può succedere che una coppia decida di dirsi addio per sempre e di ricominciare separatamente una nuova vita. A volte, però, lasciarsi in buoni rapporti risulta complicato, specialmente se c'è da dividere un patrimonio e, soprattutto, se entrambi gli ex coniugi vorrebbero avere la custodia dei figli e pretendere che l'altro contribuisca al mantenimento. Quando l'accordo su queste ed altre cose non c'è, si arriva alla separazione giudiziale. Che cos'è e che cosa comporta è quello che vedremo in questo articolo.

La separazione giudiziale, dunque, non va confusa con quella consensuale. A quest'ultima, infatti, si arriva grazie ad un accordo tra i coniugi su quali saranno i loro compiti e le loro responsabilità una volta cessata la convivenza. Nella separazione giudiziale, invece, è un magistrato a decidere questi aspetti, poiché l'intesa di partenza non c'è stata.

Ed è qui che comincia il "festival" delle accuse, dei rimproveri e dei rinfacciamenti. A volte, purtroppo, senza esclusione di colpi, il che rende tutto molto più difficile. Bisogna portare in tribunale le prove dell'impossibilità di continuare la convivenza, il che non è sempre una passeggiata. La separazione giudiziale, infatti, comporta mettere sul banco davanti ad un giudice le proprie frustrazioni ed i fallimenti della coppia e cercare di dare un perché, possibilmente addossando la colpa alla controparte.

Arrivati a questo punto, dunque, diventa fondamentale sapere come muoversi, come difendersi e quali sono i propri diritti per affrontare con la massima preparazione la separazione giudiziale. Tutti aspetti che vediamo di seguito.

Indice

* 1 Separazione giudiziale: che cos'è?

o 1.1 Che cosa si intende per convivenza intollerabile?

* 2 Separazione giudiziale: chi ne ha la competenza?

* 3 Separazione giudiziale: come si fa?

o 3.1 L'udienza di comparizione

o 3.2 L'udienza davanti al giudice istruttore

* 4 Separazione giudiziale: che cosa può decidere il giudice?

* 5 Separazione giudiziale: la pronuncia di addebito

o 5.1 Addio alla comunione dei beni

o 5.2 A chi va la casa?

o 5.3 Chi paga l'assegno di mantenimento?

o 5.4 Eredità e pensione di reversibilità

* 6 Separazione giudiziale: quanto ci vuole per il divorzio?

Separazione giudiziale: che cos'è?

Per definizione, la separazione giudiziale è il procedimento che uno dei coniugi promuove in disaccordo con l'altro per porre fine alla loro convivenza. Attraverso questo procedimento si ottiene una sentenza di separazione basata su fatti (anche indipendenti dal volere della coppia) che rendono la convivenza intollerabile oppure possono recare danno alla prole.

Che cosa si intende per convivenza intollerabile?

In qualsiasi tipo di convivenza ci vuole un minimo di tolleranza: al lavoro non tutti i colleghi meriterebbero un abbraccio ogni mattina, ma tocca tenerseli accanto tutti i giorni e, per questo, bisogna armarsi di pazienza ed accettare qualche difetto (come gli altri faranno con i nostri). Lo stesso succede con i vicini di casa: sopportare il cane che abbaia dall'altra parte del pianerottolo o il condomino che rientra la sera tardi facendo un po' di fracasso non sempre è facile. Ma, anche qui, per evitare battaglie quotidiane ogni tanto serve la pazienza.

Figuriamoci in un rapporto di coppia, dove ciascuno cerca di consolidare il proprio spazio con le proprie abitudini senza troppe interferenze, nemmeno da parte del marito o della moglie. Ma se con il collega o con il vicino di casa si è disposti ad essere permissivi (almeno fino ad un certo punto), che cosa fa diventare intollerabile la convivenza con il partner per arrivare perfino alla separazione giudiziale?

Il pensiero che potrebbe apparire più scontato è che la convivenza diventa intollerabile quando uno dei due coniugi comincia a violare gli obblighi matrimoniali: infedeltà, indifferenza verso l'altro, scarsa partecipazione alla vita affettiva ed economica della famiglia, ecc. Tuttavia, la tesi più diffusa è che i fattori che portano all'intollerabilità di una convivenza non dipendano dalla volontà dei coniugi. Si parla, quindi, dell'incompatibilità di caratteri, della diversità culturale acquisita in passato, di due modi paralleli di concepire il futuro della coppia e della famiglia, ecc. Cose che, a dire la verità, potevano scaturire durante il fidanzamento, ma questa è un'altra storia.

In ogni caso, il distacco non solo fisico (mancanza di rapporti sessuali, ad esempio) ma anche spirituale (carenza assoluta di dialogo e indifferenza più totale verso l'altro) rendono la convivenza intollerabile e portano, inevitabilmente, verso la separazione giudiziale. Anche quando questo atteggiamento lo dimostra uno solo dei coniugi. Perché non finisce solo per ferire l'altro: ha una ricaduta immancabile sui figli.

Separazione giudiziale: chi ne ha la competenza?

Chi vuole presentare domanda di separazione coniugale deve rivolgersi, nell'ordine, ad uno di questi tribunali:

* a quello del luogo di ultima residenza comune della coppia;

* in mancanza di questo, al tribunale del luogo in cui ha la residenza o il domicilio il coniuge contro il quale si presenta la richiesta;

* se il convenuto risiede all'estero oppure è irreperibile, al tribunale del luogo in cui il coniuge ricorrente ha residenza o domicilio;

* ad un qualsiasi tribunale italiano nel caso in cui entrambi i coniugi siano residenti all'estero.

Durante il procedimento è obbligatoria la partecipazione di un pubblico ministero, il quale avrà la competenza di presentare delle nuove prove, fare delle richieste o impugnare una sentenza quando lo ritenga opportuno.

Separazione giudiziale: come si fa?

Chi vuole porre fine alla convivenza e non trova un accordo con l'ex coniuge sulle condizioni della separazione, può fare richiesta di separazione legale presentando ricorso in una delle sedi sopracitate.

Il ricorrente deve specificare i motivi della sua domanda e se la coppia ha dei figli. Deve, inoltre, allegare le dichiarazioni dei redditi dei due coniugi di almeno gli ultimi tre anni.

Giunto il ricorso in tribunale, il Presidente fissa con decreto nei successivi cinque giorni:

* la data dell'udienza alla quale devono presentarsi i due coniugi (entro 90 giorni dal giorno in cui è stato depositato il ricorso);

* il termine entro il quale deve essere notificato il ricorso da parte del ricorrente e del decreto all'altro coniuge;

* il termine entro il quale il coniuge convenuto (cioè quello che è stato citato da chi ha presentato il ricorso) ha la possibilità di depositare la memoria difensiva ed eventuali altri documenti.

L'udienza di comparizione

Citati entrambi dal presidente del Tribunale, i coniugi devono comparire per la prima udienza che apre il processo di separazione giudiziale. I due devono presentarsi obbligatoriamente di persona assistiti dai rispettivi avvocati.

Possono succedere tre cose:

* si presentano i due coniugi: l'udienza avviene normalmente;

* non si presenta il coniuge ricorrente: il presidente del Tribunale chiude il procedimento per rinuncia agli atti. In pratica, è come se la separazione giudiziale venisse "abortita";

* non si presenta il giudice convenuto, cioè la controparte di chi ha avviato il procedimento: il presidente del Tribunale fissa una nuova udienza e, se lo ritiene opportuno, decide con un'ordinanza gli aspetti urgenti che non possono essere rimandati.

Dei tre, gli ultimi due casi sono quelli eccezionali. Il primo, quello in cui si presentano entrambi i coniugi davanti al giudice, dovrebbe essere quello normale. In questo caso, il presidente del Tribunale cerca prima una mediazione per evitare che il procedimento vada avanti e che si arrivi alla separazione. Anche qui, ci sono diverse possibilità:

* l'accordo viene trovato: si redige un verbale ed il procedimento di separazione finisce lì;

* l'accordo non viene trovato: il presidente del Tribunale nomina un giudice istruttore e fissa una nuova udienza davanti a quest'ultimo.

L'udienza davanti al giudice istruttore

Questo articolo finirebbe qui se si fosse trovato un accordo davanti al presidente del Tribunale, cioè se la tentata conciliazione avesse successo ed i coniugi vivessero da quel momento in poi felici e contenti. L'articolo, invece, continua ipotizzando che quell'accordo non è stato trovato e che, quindi, il procedimento di separazione giudiziale, purtroppo, va avanti.

Come appena detto, si arriva davanti al giudice istruttore nell'udienza fissata dal Presidente nella fase precedente. Non ci sono più dei tentativi di intesa fra i coniugi, ma si va a stabilire le condizioni della separazione. Tant'è che il giudice può anche produrre delle prove nuove che riguardino i figli.

Il Tribunale, conclusa la fase istruttoria, emette una sentenza di separazione che la controparte può impugnare se lo ritiene opportuno. Inoltre, il giudice può emettere una sentenza non definitiva con cui risolve subito la separazione ma lascia che la causa vada avanti nel caso ci siano altre questioni da risolvere tra i coniugi, come ad esempio quelle che riguardano il patrimonio oppure l'affidamento dei figli.

Separazione giudiziale: che cosa può decidere il giudice?

Ci sono diversi provvedimenti durante il procedimento di separazione giudiziale. Innanzitutto, c'è l'ordinanza con cui il presidente del Tribunale decide sulla situazione dei figli e sui doveri e diritti dei coniugi, come ad esempio eventuale obbligo di mantenimento o assegnazione ad uno dei due dell'abitazione coniugale.

Quest'ordinanza è immediatamente esecutiva. Ma è anche modificabile o revocabile dal giudice istruttore con ulteriore sentenza oppure impugnabile con il dovuto reclamo alla Corte d'Appello.

Tra i provvedimenti più importanti ci sono, ovviamente, quelli che riguardano i figli, poiché è il loro interesse quello che prevale nel momento in cui un giudice deve emettere una sentenza. In particolare, la legge ha apportato alcuni anni fa qualche novità in proposito che il Tribunale deve tenere in considerazione [2]. In particolare:

* l'affidamento dei figli ad un solo genitore e l'opposizione all'affidamento condiviso;

* l'assegnazione dell'abitazione coniugale in base alla proprietà e agli accordi economici valutando gli interessi dei figli;

* l'obbligo di ascoltare il figlio minorenne durante il procedimento, a meno che non sia opportuno;

* l'obbligo di mantenimento non solo dei figli minorenni ma anche di quelli maggiorenni quando non sono economicamente autonomi.

Separazione giudiziale: la pronuncia di addebito

Di chi è la colpa di un matrimonio fallito? E quali sono le conseguenze che deve affrontare il coniuge a cui viene addebitato quel fallimento? Al giudice l'ardua decisione. Di solito, si basa su delle prove in grado di dimostrare che una delle parti ha violato i doveri matrimoniali con un comportamento poco o per nulla costruttivo. In questo caso, e su richiesta del ricorrente, può stabilire nella sentenza a chi attribuire la responsabilità della separazione.

Le conseguenze di questo addebito sono, soprattutto, economiche e patrimoniali (oltre a quelle affettive sulle quali nessun giudice è in grado di decidere perché appartengono alla sfera personale di ciascuno). Vediamo quali sono i principali effetti della separazione giudiziale.

Addio alla comunione dei beni

Prima conseguenza della separazione giudiziale: il regime di comunione dei beni viene immediatamente sciolto nel caso in cui i coniugi lo avessero adottato il giorno del loro matrimonio. Questo regime salta per aria nel momento stesso in cui il presidente del Tribunale dà il via libera alla separazione.

A sua volta, questo effetto della separazione giudiziale comporta:

* il subentro della comunione ordinaria al posto di quella legale;

* il passaggio al patrimonio comune dei beni de residuo;

* un nuovo regime patrimoniale, cioè quello della separazione.

A questo si aggiunge la separazione del patrimonio. Prima, però, bisogna procedere ai rimborsi e alle restituzioni dell'uno verso l'altro [3]. Significa che se uno dei due ha prelevato dal conto in comunione una cifra che non era destinata a soddisfare un obbligo familiare, dovrà restituirla. Lo stesso deve fare chi ha deciso di spendere una somma di sua iniziativa a meno che sia un atto di straordinaria amministrazione e venga dimostrato il vantaggio per la comunione o abbia soddisfatto un bisogno della famiglia.

Ciascuno dei coniugi può reclamare indietro i soldi prelevati dal patrimonio personale e destinati al patrimonio comune. Così come chi è in credito può prelevare dalla cassa comune (nell'ordine in denaro, in mobili ed in immobili) fino a pareggiare il conto.

A chi va la casa?

Una delle grane più ricorrenti quando si affronta una separazione giudiziale è quella dell'abitazione: a chi va la casa in cui sono stati i coniugi fino all'ultimo giorno di convivenza? Anche in questo caso decide il giudice, tentando di salvaguardare, soprattutto, l'interesse dei figli.

Può darsi, però, che i coniugi non abbiano avuto dei bambini. In questo caso, il giudice valuta queste due ipotesi:

* la casa è di proprietà comune, cioè è intestata ad entrambi i coniugi;

* la casa è di proprietà esclusiva di uno dei due, come nel caso in cui lui l'abbia ereditata dal padre e ci abbia vissuto con la moglie gli anni in cui sono stati insieme.

Solo nel primo caso si potrà pretendere la divisione giudiziale della casa. Nel secondo, invece, l'immobile resterà a chi detiene la proprietà esclusiva oppure (tornando al caso dei bambini) al genitore a cui vengono affidati i figli, anche se avrà il solo diritto di godimento.

Chi paga l'assegno di mantenimento?

Chi si trova l'addebito della separazione deve per forza pagare l'assegno di mantenimento all'ex coniuge ed ai figli? Diciamo, intanto, che l'assistenza materiale è prevista nel Codice civile in questo modo: "Il giudice - si legge - stabilisce in favore del coniuge il diritto di ricevere dall'altro coniuge quanto necessario al suo mantenimento, qualora egli non disponga di adeguati redditi propri" [4]. In pratica, e poiché la separazione giudiziale non cancella il matrimonio ma solo alcuni dei doveri dei coniugi, assistenza e rispetto restano fino al divorzio, così come deve restare lo stesso tenore di vita goduto fino a quel momento [5].

Se ne deduce che l'obbligo di assistenza materiale si traduce nel versamento dell'assegno di mantenimento, dovuto quando:

* c'è una separazione legale;

* uno dei due coniugi non ha un reddito proprio;

* il coniuge beneficiario dell'assegno non è il responsabile della separazione (cioè non gli è stata addebitata la fine della convivenza);

* il coniuge che deve pagare l'assegno ha un reddito sufficiente a garantire il mantenimento.

Attenzione, però: la Cassazione ha stabilito che se la convivenza è stata piuttosto breve l'assegno di mantenimento non sarà dovuto [6].

Eredità e pensione di reversibilità

Il coniuge separato ha diritto alla pensione di reversibilità dell'altro coniuge nel caso in cui quest'ultimo muoia? Se la sentenza di separazione giudiziale non dice il contrario, la risposta è sì. Ha diritto alla pensione di reversibilità sempre per lo stesso motivo che abbiamo citato più volte, cioè: la separazione non scioglie il matrimonio. Quindi il superstite è, a tutti gli effetti, vedovo o vedova della defunta o del defunto.

Di conseguenza, avrà anche il diritto di ereditare la sua quota di patrimonio. Viceversa, perderà i diritti successori il coniuge a cui è stata addebitata la separazione.

Separazione giudiziale: quanto ci vuole per il divorzio?

Se la separazione giudiziale non ti basta e vuoi che vengano annullati del tutto gli effetti del matrimonio chiedendo il divorzio, sappi che i tempi non sono eterni ma nemmeno viene risolto tutto dall'oggi al domani.

Il termine per vedere nero su bianco la parola fine sul tuo matrimonio è un anno. Dodici mesi che trascorrono dalla prima udienza davanti al presidente del Tribunale per il tentativo di conciliazione.

I fatti di questa singolare vicenda giudiziaria, approdata davanti al giudice monocratico……….. risalgono al 2014. All'epoca l'impiegato, residente in Lucchesia, aveva da tempo una relazione con una donna sposata, di circa dieci anni più giovane, il cui matrimonio già in crisi sfociò poi in una causa di separazione in tribunale a Lucca. Davanti al giudice che doveva valutare i termini di quella separazione, fu chiamato a testimoniare anche l'amante, perché il marito sosteneva che il tradimento della moglie andava avanti da tempo e quindi voleva dimostrare che la separazione coniugale avveniva per colpa della donna. Ma al processo civile, l'amante sostenne di aver iniziato la relazione con la donna solo dopo che lei e il marito avevano avviato le pratiche per la separazione. Peccato che l'altro, sospettando appunto il tradimento, avesse ingaggiato un detective, che per parecchio tempo aveva tenuto d'occhio i due amanti, documentandone gli incontri. Ed ecco così spuntare foto e altre prove inequivocabili della nascita di una relazione clandestina già da tempo, quindi una delle cause della separazione stessa.

A quel punto il giudice civile aveva trasmesso gli atti alla Procura per falsa testimonianza. Al processo penale davanti al giudice Boragine è emerso che l'impiegato aveva effettivamente mentito sulle circostanze della loro relazione, nel tentativo di tutelare la sua amante. Una condotta che gli è costata una condanna a un anno e quattro mesi di reclusione, con pena sospesa.

L'agenzia “IDFOX” autorizzata dalla Prefettura di Milano, sino dal 1992, è sinonimo, da sempre, di affidabilità, efficacia ed efficienza. Apprezzata dai clienti per i “risultati” ottenuti, si è evidenziata anche per la sua riservatezza, caratteristica fondamentale in tale ambito.

L’investigatore privato Max Maiellaro è il titolare dell’agenzia “IDFOX”, dopo un trascorso ricco di esperienze maturato nella Polizia di Stato, ha operato nel privato trasfondendo lo spirito di abnegazione e la maturata professionalità, i nel campo della sicurezza aziendale e intelligence, operando in svariati settori, quali quelli dell’elettronica, della chimica, alta moda,  meccanica, aeronautica, ferroviaria e, tutela marchi e brevetti  in Italia e all’estero. In questi contesti, la professionalità è  indispensabile per la concretizzazione dei risultati e l’eccellente attività dell’ agenzia “IDFOX” ® è certificata dai numerosi e brillanti risultati, raccolti in campo civile e penale.

L’agenzia IDFOX Investigazioni, pone in campo una esperienza ultraventennale ed utilizza tutte le opportune tecniche nell’attività di intelligence, ricercando mezzi e sistemi sempre all’avanguardia, avvalendosi, nello specifico, di esperti del settore di provata affidabilità e concreta maturata esperienza professionale, con studi strategici finalizzati al raggiungimento dell’obiettivo.

Parlando di tradimento e infedeltà..

Il tradimento è il mancato rispetto di una promessa di fedeltà.

Oggi sono sempre meno le coppie che riescono ad essere fedeli tra di loro.

Il tradimento rappresenta una delle esperienza molto dolorose che l’essere umano può sperimentare, perché mette in discussione la dignità, il rispetto, l’identità e la relazione con l’altro.

Cause che spingono il partner a tradire:

- Non si sta bene insieme al proprio/a compagno

- L'insoddisfazione sessuale

- La mancanza di affetto

Spesso si è portati a formare una coppia per la paura della solitudine, per un bisogno di sicurezza e non perché si è interessati veramente all’altra persona.

L’infedeltà può assumere quindi diverse finalità: consolatoria, compensatoria, di rappresaglia o d’evasione: in ogni caso risponde ad una esigenza psicologica che rispecchia la salute della coppia.

Un aforisma del pittore John Harington dice: ” Il tradimento non trionfa mai: qual è il motivo? Perché se trionfa e diventa un grande amore, nessuno osa, ne può chiamarlo tradimento.”

Se una persona ti ama non esistono né se ne ma. Quando una persona ama non ha tempo  di pensare ad un'altra persona!

Al di là di chi è il traditore e  di chi è il tradito il tradimento coinvolge la relazione in sè, vale a dire il Noi, oltre all' Io ed il Tu. Quindi entrambi i partner, seppur con modalità diverse, sono coinvolti nella genesi della situazione extraconiugale.


RISULTATI GARANTITI CON PROVE GIURIDICAMENTE VALIDE
Tutti i nostri servizi sono documentati con prove cinefotografiche e dettagliate relazione tecnica per eventuale uso Legale.

 

Scegliere chi è legalmente autorizzato è una garanzia!

 

IDFOX è autorizzata con licenza per investigazioni private Art.134 TULPS; autorizzazione Art. 222 del D.L.vo 271/89 ed Art. 327 Bis del c.p.p. così come modificati dalla L.397/00 l'effettuazione di indagini difensive a favore della difesa rilasciate dalla Prefettura di Milano.

Infedeltà del partner

Se hai notato dei cambiamenti nel comportamento del tuo partner e, se lei/lui sembrasse “assente” e inconsciamente inizi a pensare che potrebbe esserci un altro uomo/donna nella sua vita, dovresti prima investigare un po' sui tuoi sospetti e cercare un confronto con il partner solamente se hai conferme e prove.

In questo articolo troverai alcuni dei più comuni segnali di emergenza che potrebbero indicare un tradimento da parte di tua moglie/marito.

 

Cambiamenti di Comportamento nella sua Vita Sociale:

Nota quanto spesso esce con "le amiche"/"gli amici". Se all'improvviso inizia a passare tanto tempo con dei giri di amicizie che tendono ad escluderti, potrebbe essere un segnale negativo. Anche se afferma di uscire solo con amici, potrebbe non essere vero.

Devi comprendere che un'uscita occasionale tra amici è normale e sana. Non è un brutto segno in sé ed è una cosa perfettamente normale. Proprio come quando tu stesso esci con gli amici e parli di cose di cui con il tuo partner non parleresti mai.

Potrebbe essere un problema se il tuo partner inizia a considerare queste uscite più importanti del vostro rapporto di coppia, se non è chiaro in merito a dove va e con chi va e se non riesci a contattarlo quando esce.

Se ti dice che va da qualche parte e tu hai il sospetto che vada a incontrare un'altra persona, offriti di accompagnarlo. Se "cambia idea" all'ultimo momento e decide di non uscire, potrebbe essere il segnale che la sua intenzione era molto probabilmente quella di trascorrere un po' di tempo con qualcun altro.

Se il tuo partner sparisce ogni volta per ore e dice semplicemente di essere andato in giro a fare shopping o commissioni, mostra interesse per i negozi o i luoghi in cui è andato o che cosa è andato a vedere. Molte persone amano raccontare cosa hanno fatto durante la giornata, quindi se ottieni una risposta elusiva, potrebbe essere un segno che sia andato altrove.

Controlla se ci sono dei cambiamenti nel modo in cui tratta le persone a te care. Se il tuo partner inizia ad allontanarsi dai tuoi familiari o dagli amici con cui un tempo andava d'accordo, forse si sente in colpa.

Se tua moglie si trova bene con la tua famiglia e i tuoi amici, capirà che la sua "storia" con un'altra persona potrebbe ferire più persone e non solo te. Questo potrebbe farla sentire talmente in colpa da evitare certe situazioni il più spesso possibile.

I partner che tradiscono, inoltre, si preoccupano che amici e familiari dell'altra parte possano accorgersi che stia nascondendo qualcosa.

In alcuni casi, la tua famiglia potrebbe, invece, essere parte del problema. Se il tuo partner non va d'accordo con i tuoi familiari e tu ti schieri spesso dalla loro parte, potrebbe avvertire la mancanza di "alleati" tra le persone che vi circondano.

Ascolta attentamente se inizia a parlare di nuove amicizie. Questa nuova amicizia di cui ti parla potrebbe essere qualcos'altro.

Controlla se ci sono dei cambiamenti nelle sue abitudini in merito al fumo e agli alcolici. Se il tuo partner di solito beve e fuma, potresti non notare nulla di nuovo. Se però non ha mai avuto nessun interesse per l'alcol e le sigarette e senti questi odori, può darsi che il partner incriminato gli abbia fatto prendere questi vizi.

 Fai caso a quanto tempo lavora e a quanto spesso viaggia per lavoro. Il tuo partner potrebbe affermare di passare molto tempo a lavoro, ma se non succedesse mai prima, questo cambiamento potrebbe indicare che sta passando queste ore extra fuori dall'ufficio.

 Se passa troppo tempo fuori casa potrebbe essere una brutta notizia. Per esempio, se un'uscita in banca, al negozio di generi alimentari o dal parrucchiere si prolunga più del solito, può darsi che stia facendo qualcosa di diverso da quello che ti aveva detto.

Considera quei viaggi che fa fuori città senza di te e che non sono legati al lavoro. Se va continuamente a visitare i suoi parenti da solo, è possibile che non vada a vedere solo quelli, specialmente se trascorre la notte in hotel e non a casa loro. Se ti dice che è stato in hotel, chiedile con naturalezza quale e poi dai un'occhiata alle spese della carta di credito. Se non ci sono spese, magari un'altra persona sta pagando al posto suo.

Controlla quanti soldi spende quando esce. Le relazioni costano. Dai uno sguardo agli scontrini e ai movimenti delle carte di credito del tuo partner. Un aumento delle spese può indicare che stia spendendo i suoi soldi per qualcuno di nuovo.

Allo stesso modo potresti controllare i chilometri percorsi in macchina. Se noti che sta percorrendo qualche chilometro in più per raggiungere i posti che ti dice di frequentare, probabilmente sta guidando per andare da qualcuno che non dovrebbe vedere.



Cambiamenti nel suo Comportamento in Casa:

 Osserva se ci sono dei cambiamenti nel modo in cui ti esprime il suo affetto. Oltre ad avere dei sospetti se all'improvviso il tuo partner si allontana da te, potresti averne anche se all'improvviso diventa molto affettuoso rispetto a prima.

Un partner infedele potrebbe darti molte attenzioni per alleviare i sensi di colpa quando siete insieme e potrebbe sentirsi meglio in merito a quello che fa quando tu non ci sei.

 Fai caso alle sue abitudini con il telefono. Questo potrebbe essere un po' difficile da notare, in quanto la maggior parte delle persone passa molto tempo al telefono. Ma se all'improvviso noti che usa molto il telefono anche per inviare messaggi o termina le conversazioni proprio nel momento in cui tu rientri a casa, potrebbe indicare che nella sua vita c'è qualcuno di cui non ti vuole parlare.

Chiedi con chi parla al telefono, soprattutto quando lascia la stanza per rispondere. Valuta se le sue spiegazioni sono veritiere o se sta provando a inventare scuse in merito alla persona con cui stava effettivamente parlando.

Fai caso anche alla frequenza, agli orari in cui riceve ed effettua telefonate, oltre al tono di voce che utilizza.

Se il tuo partner inizia a comportarsi come se non ci fosse nulla di buono in quello che fai, anche se non ti tradisce, ti sta facendo capire che nella vostra relazione ci sono dei problemi.

D'altro canto, potrebbe essere un brutto segno anche se smette di lamentarsi del tutto. Se tu hai dato dei validi motivi per non lamentarsi più, perfetto. Se invece non hai cambiato il tuo comportamento e diventa meno critico senza motivo, questo potrebbe essere un segnale di indifferenza nei tuoi riguardi e che incanali le sue soddisfazioni emotive altrove.

Fai caso ai cambiamenti sul suo comportamento sessuale. Potresti aspettarti che, se ti tradisce, non sia più interessato sessualmente a te. Invece, ci sono molti casi in cui il desiderio sessuale aumenta.

Desiderare di avere più rapporti sessuali può essere un modo per alleviare i sensi di colpa dovuti a un eventuale tradimento.

Se il tuo partner vuole avere rapporti sessuali più spesso del solito, può significare che sta avendo una relazione sentimentale con qualcuno e ti stia usando per soddisfare i bisogni sessuali che non può avere da quell'altra persona.

D'altro canto, se avevate una buona vita sessuale e all'improvviso la fiamma della passione è spenta, questo può indicare che stia appagando i suoi desideri sessuali con qualcun altro.

Guardalo negli occhi. Per istinto le persone evitano il contatto con gli occhi se hanno qualcosa da nascondere e se stanno mentendo. Guarda il tuo partner negli occhi durante la giornata. Se ti tradisce, eviterà spesso il contatto visivo.

Questo è molto importante quando gli chiedi dove è stato, con chi e cosa ha fatto. In questo caso dovrà mentirti se non vuole ammettere che ti sta tradendo e troverà molto più difficile guardarti negli occhi rispetto al solito.

Controlla quanto tempo passa di fronte al computer. Al giorno d'oggi il computer si utilizza per comunicare tanto quanto il telefono. Se il tuo partner passa le serate davanti al computer e si sente attaccato quando chiedi il motivo, può darsi che stia inviando e-mail e che stia comunicando tramite social media con qualcuno che non vuole farti conoscere.

Dai un'occhiata alla cronologia sul motore di ricerca quando non c'è. Se la cancella, può essere un segnale d'allarme, in quanto è probabile che voglia nasconderti qualcosa.

Ricorda che i cellulari sono il computer più usato. Chiedile di poter vedere il suo telefono. Se reagisce sulle difensive, potrebbe essere un segno che abbia qualcosa da nascondere.

Controlla le bollette del telefono. Molti provider forniscono informazioni dettagliate in merito alle chiamate. Nota la presenza di numeri che non conosci.

Considera i comportamenti sfuggenti come segnali negativi. Come regola generale, se il tuo partner inizia a condividere sempre meno dettagli in merito alle sue giornate e ai suoi pensieri, potrebbe nasconderti qualcosa e condividere le sue emozioni con qualcun altro.

 

Cambiamenti nel Modo in cui si Prende Cura di sé:

Nota i cambiamenti nel suo aspetto. Quando le coppie sono sposate da tempo, spesso tendono a lasciarsi andare. Se il tuo partner improvvisamente cambia qualcosa nei capelli o in qualche modo inizia a curarsi come non faceva da tempo, probabilmente lo sta facendo per un'altra persona.

Di solito le persone all'inizio di una relazione tendono a curare il più possibile il loro aspetto fisico, quindi se hai notato che si sta impegnando per migliorare l'aspetto, potrebbe essere che nella sua vita c'è una nuova relazione.

Tuttavia, c'è la possibilità che lo stia facendo per te. Se percepisce l'assenza di passione e alchimia tra di voi, semplicemente sta provando a porre rimedio al problema e a essere più attraente per te.

Fai caso allo shopping frenetico. Osserva con sguardo attento ciò che porta a casa nelle buste della spesa. Se acquista vestiti nuovi in quantità, forse li vuole mostrare a qualcuno.

Allarmati anche se compra vestiti e non li mette quando uscite insieme.

Fai attenzione se inizia ad allenarsi in palestra. Se il tuo partner dimostra un inusuale interesse per la forma fisica e non l'ha mai fatto prima, probabilmente vuole essere più attraente per un’altra persona da poco entrata nella sua vita. Capisci, logicamente, che questo non è un segnale rivelatore. È possibile che si stia mettendo in forma per dei validi motivi: forse il medico glielo ha suggerito per evitare problemi di salute, magari il suo vestito preferito non gli sta più oppure l'anno nuovo è iniziato da poco e la palestra era nella lista dei suoi buoni propositi.

Controlla quanto spesso si fa la doccia in "palestra". Se raramente fa la doccia a casa e dice di averla fatta in palestra, c'è qualche probabilità che la stia facendo a casa dei un’altra persona, usando la palestra come copertura.

Una persona che tradisce fa sempre la doccia prima di darti il benvenuto a casa per eliminare gli odori dell'amante.

Odora il suo profumo. Molti sposi si abituano all'odore dei propri partner. Se ha un odore strano, tipo acqua di colonia o un profumo che tu non usi, potrebbe avere avuto dei contatti con qualcun altro.

PRIVACY

Privacy & Cookies Policy

Per IDFOX la privacy dei propri utenti è di primaria importanza. La presente Informativa sulla privacy definisce quali dati vengono raccolti e il modo in cui gli stessi vengono utilizzati, divulgati, trasferiti e/o archiviati. Questo Sito raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti secondo quanto stabilito da regolamento UE 679/2016 GDPR (General Data Protection Regulation).

Titolare del trattamento

In caso di domande relative alla presente politica di privacy è possibile contattarci utilizzando le informazioni riportate di seguito:

IDFOX Via Luigi Razza, 4 – 20124 – Milano, Italia

Telefono: +39 02 344223 – Mail: max@idfox.it

Tipologie di Dati raccolti

Fra i Dati Personali raccolti da questo Sito, in modo autonomo o tramite terze parti, ci sono: Cookie, Dati di utilizzo, E-mail e varie tipologie di dati.

Altri Dati Personali raccolti potrebbero essere indicati in altre sezioni di questa privacy policy o mediante testi informativi visualizzati contestualmente alla raccolta dei Dati stessi.

I Dati Personali possono essere inseriti volontariamente dall'Utente, oppure raccolti in modo automatico durante l'uso di questo Sito. L'eventuale utilizzo di Cookie - o di altri strumenti di tracciamento - da parte di questo Sito o dei titolari dei servizi terzi utilizzati da questo Sito, ove non diversamente precisato, ha la finalità di identificare l'Utente e registrare le relative preferenze per finalità strettamente legate all'erogazione del servizio richiesto dall'Utente.

Il mancato conferimento da parte dell'Utente di alcuni Dati Personali potrebbe impedire a questo Sito di erogare i propri servizi.

L'Utente si assume la responsabilità dei Dati Personali di terzi pubblicati o condivisi mediante questo Sito e garantisce di avere il diritto di comunicarli o diffonderli, liberando il Titolare da qualsiasi responsabilità verso terzi.

Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti

Modalità di trattamento: Il Titolare tratta i Dati Personali degli Utenti adottando le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali. Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate.

Oltre al Titolare, in alcuni casi, potrebbero avere accesso ai Dati categorie di incaricati coinvolti nell'organizzazione del sito (personale amministrativo, commerciale, marketing, legali, amministratori di sistema) ovvero soggetti esterni (come fornitori di servizi tecnici terzi, corrieri postali, hosting provider, società informatiche, agenzie di comunicazione) nominati anche, se necessario, Responsabili del Trattamento da parte del Titolare. L'elenco aggiornato dei Responsabili potrà sempre essere richiesto al Titolare del Trattamento.

Base giuridica del trattamento

Il Titolare tratta Dati Personali relativi all'Utente in caso sussista una delle seguenti condizioni:

l'Utente ha prestato il consenso per una o più finalità specifiche; Nota: in alcuni ordinamenti il Titolare può essere autorizzato a trattare Dati Personali senza che debba sussistere il consenso dell'Utente o un'altra delle basi giuridiche specificate di seguito, fino a quando l'Utente non si opponga ("opt-out") a tale trattamento. Ciò non è tuttavia applicabile qualora il trattamento di Dati Personali sia regolato dalla legislazione europea in materia di protezione dei Dati Personali; il trattamento è necessario all'esecuzione di un contratto con l'Utente e/o all'esecuzione di misure precontrattuali; il trattamento è necessario per adempiere un obbligo legale al quale è soggetto il Titolare; il trattamento è necessario per l'esecuzione di un compito di interesse pubblico o per l'esercizio di pubblici poteri di cui è investito il Titolare; il trattamento è necessario per il perseguimento del legittimo interesse del Titolare o di terzi. È comunque sempre possibile richiedere al Titolare di chiarire la concreta base giuridica di ciascun trattamento ed in particolare di specificare se il trattamento sia basato sulla legge, previsto da un contratto o necessario per concludere un contratto.

Luogo

I Dati sono trattati presso le sedi operative del Titolare ed in ogni altro luogo in cui le parti coinvolte nel trattamento siano localizzate. Per ulteriori informazioni, contatta il Titolare. I Dati Personali dell'Utente potrebbero essere trasferiti in un paese diverso da quello in cui l'Utente si trova. Per ottenere ulteriori informazioni sul luogo del trattamento l'Utente può fare riferimento alla sezione relativa ai dettagli sul trattamento dei Dati Personali.

L'Utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alla base giuridica del trasferimento di Dati al di fuori dell'Unione Europea o ad un'organizzazione internazionale di diritto internazionale pubblico o costituita da due o più paesi, nonché in merito alle misure di sicurezza adottate dal Titolare per proteggere i Dati.

Qualora abbia luogo uno dei trasferimenti appena descritti, l'Utente può fare riferimento alle rispettive sezioni di questo documento o chiedere informazioni al Titolare contattandolo agli estremi riportati in apertura.

Periodo di conservazione

I Dati sono trattati e conservati per il tempo richiesto dalle finalità per le quali sono stati raccolti.

Pertanto: I Dati Personali raccolti per scopi collegati all'esecuzione di un contratto tra il Titolare e l'Utente saranno trattenuti sino a quando sia completata l'esecuzione di tale contratto. I Dati Personali raccolti per finalità riconducibili all'interesse legittimo del Titolare saranno trattenuti sino al soddisfacimento di tale interesse. L'Utente può ottenere ulteriori informazioni in merito all'interesse legittimo perseguito dal Titolare nelle relative sezioni di questo documento o contattando il Titolare. Quando il trattamento è basato sul consenso dell'Utente, il Titolare può conservare i Dati Personali più a lungo sino a quando detto consenso non venga revocato. Inoltre, il Titolare potrebbe essere obbligato a conservare i Dati Personali per un periodo più lungo in ottemperanza ad un obbligo di legge o per ordine di un'autorità.

Al termine del periodo di conservazioni i Dati Personali saranno cancellati. Pertanto, allo spirare di tale termine il diritto di accesso, cancellazione, rettificazione ed il diritto alla portabilità dei Dati non potranno più essere esercitati.

Finalità del Trattamento dei Dati raccolti

I Dati dell'Utente sono raccolti per consentire al sito di fornire i propri servizi, così come per le seguenti finalità: Contattare l'Utente, Gestione indirizzi e invio di messaggi e-mail, Interazione con social network e piattaforme esterne, Commento dei contenuti e Statistica. Le tipologie di Dati Personali utilizzati per ciascuna finalità sono indicate nelle sezioni specifiche di questo documento.

Dettagli sul trattamento dei Dati Personali

I Dati Personali sono raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:

Contattare l'Utente

Mailing List o Newsletter (Questo Sito)

Con la registrazione alla mailing list o alla newsletter, l'indirizzo e-mail dell'Utente viene automaticamente inserito in una lista di contatti a cui potranno essere trasmessi messaggi e-mail contenenti informazioni, anche di natura commerciale e promozionale, relative a questo Sito. L'indirizzo e-mail dell'Utente potrebbe anche essere aggiunto a questa lista come risultato della registrazione a questo Sito.

Dati personali raccolti: E-mail

Modulo di contatto o invio e-mail. L'Utente, compilando con i propri Dati il modulo di contatto o inviando una comunicazione e-mail, acconsente al loro utilizzo per rispondere alle richieste di informazioni, di preventivo, o di qualunque altra natura indicata dall'intestazione del modulo o dal contenuto della e-mail.

Dati personali raccolti: Nome, Cognome, E-mail

Gestione Indirizzi e invio Mail (newsletter)

Questi servizi consentono di gestire un database di contatti e-mail, contatti telefonici o contatti di qualunque altro tipo, utilizzati per comunicare con l'Utente. Questi servizi potrebbero inoltre, consentire di raccogliere dati relativi alla data e all'ora di visualizzazione dei messaggi da parte dell'Utente, così come all'interazione dell'Utente con essi, come le informazioni sui click sui collegamenti inseriti nei messaggi.

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Protezione: Firewall, protezione antivirus e anti-malware

Questi servizi analizzano il traffico di questo sito web, potenzialmente contenente Dati Personali degli Utenti, al fine di bloccare tentativi di compromissione del sito web stesso.

Wordfence Security (Defiant Inc.)

Dati personali raccolti: Varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio.

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Statistica

I servizi contenuti nella presente sezione permettono al Titolare del Trattamento di monitorare e analizzare i dati di traffico e servono a tener traccia del comportamento dell'Utente.

Google Analytics (Google Inc.)

Google Analytics è un servizio di analisi web fornito da Google Inc.("Google"). Google utilizza i Dati Personali raccolti allo scopo di tracciare ed esaminare l'utilizzo di questo Sito, compilare report e condividerli con gli altri servizi sviluppati da Google. Google potrebbe utilizzare i Dati Personali per contestualizzare e personalizzare gli annunci del proprio network pubblicitario.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

I servizi di statistica di Google Analytics inseriti su questo sito web sono in forma aggregata aggiungendo la direttiva IP Anonymize, si veda la parte relativa ai cookies in fondo a questo sito web.

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Contenuti su piattaforme esterne

Questi servizi permettono di visualizzare contenuti ospitati su piattaforme esterne direttamente dalle pagine di questo Sito e di interagire con essi. Nel caso in cui sia installato un servizio di questo tipo, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Widget Video Youtube (Google Inc.)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questo Sito di integrare tali contenuti all'interno delle proprie pagine.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Google Font (Google Inc.) Google Fonts è un servizio di visualizzazione di stili di carattere gestito da Google Inc. che permette a questo Sito di integrare tali contenuti all'interno delle proprie pagine.

 

Dati personali raccolti: Cookie e dati di utilizzo

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Google Maps (Google Inc.)

Google Maps è un servizio di visualizzazione di mappe gestito da Google Inc. che permette a questo Sito di integrare tali contenuti all'interno delle proprie pagine.

Dati personali raccolti: Cookie e dati di utilizzo

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Diritti dell'Utente

Gli Utenti possono esercitare determinati diritti con riferimento ai Dati trattati dal Titolare.

In particolare, l'Utente ha il diritto di:

- revocare il consenso in ogni momento. L'Utente può revocare il consenso al trattamento dei propri Dati Personali precedentemente espresso.

- opporsi al trattamento dei propri Dati. L'Utente può opporsi al trattamento dei propri Dati quando esso avviene su una base giuridica diversa dal consenso. Ulteriori dettagli sul diritto di opposizione sono indicati nella sezione sottostante.

- accedere ai propri Dati. L'Utente ha diritto ad ottenere informazioni sui Dati trattati dal Titolare, su determinati aspetti del trattamento ed a ricevere una copia dei Dati trattati.

- verificare e chiedere la rettificazione. L'Utente può verificare la correttezza dei propri Dati e richiederne l'aggiornamento o la correzione.

- ottenere la limitazione del trattamento. Quando ricorrono determinate condizioni, l'Utente può richiedere la limitazione del trattamento dei propri Dati. In tal caso il Titolare non tratterà i Dati per alcun altro scopo se non la loro conservazione.

- ottenere la cancellazione o rimozione dei propri Dati Personali. Quando ricorrono determinate condizioni, l'Utente può richiedere la cancellazione dei propri Dati da parte del Titolare.

- ricevere i propri Dati o farli trasferire ad altro titolare. L'Utente ha diritto di ricevere i propri Dati in formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico e, ove tecnicamente fattibile, di ottenerne il trasferimento senza ostacoli ad un altro titolare. Questa disposizione è applicabile quando i Dati sono trattati con strumenti automatizzati ed il trattamento è basato sul consenso dell'Utente, su un contratto di cui l'Utente è parte o su misure contrattuali ad esso connesse.

- proporre reclamo. L'Utente può proporre un reclamo all'autorità di controllo della protezione dei dati personali competente o agire in sede giudiziale.

Dettagli sul diritto di opposizione

Quando i Dati Personali sono trattati nell'interesse pubblico, nell'esercizio di pubblici poteri di cui è investito il Titolare oppure per perseguire un interesse legittimo del Titolare, gli Utenti hanno diritto ad opporsi al trattamento per motivi connessi alla loro situazione particolare.

Si fa presente agli Utenti che, ove i loro Dati fossero trattati con finalità di marketing diretto, possono opporsi al trattamento senza fornire alcuna motivazione. Per scoprire se il Titolare tratti dati con finalità di marketing diretto gli Utenti possono fare riferimento alle rispettive sezioni di questo documento.

Come esercitare i diritti

Per esercitare i diritti dell'Utente, gli Utenti possono indirizzare una richiesta agli estremi di contatto del Titolare indicati in questo documento. Le richieste sono depositate a titolo gratuito e evase dal Titolare nel più breve tempo possibile, in ogni caso entro un mese.

 

Cookie Policy

In linea con la legislazione Europea, vogliamo garantire che ogni utente del sito web comprenda cosa sono i cookie e per quale motivo vengono utilizzati, in modo che possa decidere consapevolmente se accettarne l'utilizzo o no. Un cookie è un piccolo file di testo contenente un numero di identificazione univoco che viene trasferito dal sito web sul disco rigido del computer attraverso un codice anonimo in grado di identificare il computer ma non l'utente e di monitorare passivamente le attività sul sito.

Cookie strettamente necessari, Cookie sulle prestazioni, Cookie funzionali, Cookie di profilazione.

Il sito web www.idfox.it utilizza solo le prime tre categorie di cookie, per i quali non è richiesto alcun consenso:

1. Cookie strettamente necessari: Questi cookie sono essenziali al fine di permettere la navigazione del sito web e l'utilizzo delle sue funzionalità, come ad esempio l'accesso ad alcune aree protette. Senza questi cookie, alcune funzionalità richieste come ad esempio il login al sito o la creazione di un carrello per lo shopping online non potrebbero essere fornite.

2. Cookie analitici: Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano il sito web, ad esempio quali pagine vengono visitate più spesso, e se gli utenti ricevono messaggi di errore da queste pagine. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore specifico. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono aggregate e quindi anonime. Vengono utilizzate unicamente per migliorare il funzionamento del sito web.

Questi cookie possono essere paragonati ai "cookie tecnici" quando in alternativa sono usati direttamente dall'amministratore del sito per raccogliere informazioni in forma aggregata oppure sono gestiti da terze parti e specifici mezzi sono adoperati per ridurre la capacità dei cookie di identificare gli utenti (per esempio, nascondendo una parte significativa dell'indirizzo IP) e ove la terza parte li utilizzi esclusivamente per la fornitura del servizio. Per esempio, esse archiviano i dati dei cookie separatamente senza incrociarli o arricchirli con altri dati personali disponibili.

3. Cookie funzionali: Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte che l'utente ha effettuato (come il vostro lo username, la vostra lingua o l'area geografica in cui vivete vive l'utente) al fine di ottimizzare e fornire funzionalità più avanzate. Questi cookie possono, inoltre, essere utilizzati per fornire funzionalità richieste dall'utente come ad esempio la visualizzazione di un video o la possibilità di commentare un blog. Queste informazioni raccolte dai cookie possono essere anonime e non devono tracciare la navigazione e le attività dell'utente su altri siti web.

Questi cookie possono anche essere definiti cookie tecnici.

I cookie sopra citati sono definiti persistenti e la loro durata è stabilita dal server al momento della loro creazione.

Gestire le preferenze sui cookie.

Alcuni dei cookie utilizzati sui nostri siti sono impostati da noi, mentre altri sono impostati da terze parti che erogano i servizi per conto nostro.

Cookie di terze parti.

Alcuni cookie di terze parti sono impostati da servizi contenuti sulle nostre pagine. Sono gestiti dagli operatori di quel servizio e non sono sotto il nostro controllo. Invitiamo l'utente a controllare la Privacy Policy e le istruzioni su come cancellare i cookie impostati da questi servizi ai link elencati nelle sezioni seguenti. Le terze parti hanno piena responsabilità dei cookie di terze parti.

www.idfox.it non accetta alcuna responsabilità per i contenuti e i cookie di link esterni, i quali possono subire modifiche senza preavviso da parte dei rispettivi operatori. Si fornisce all'utente gli scopi di utilizzo dei cookie delle terze parti e i link alle informative delle terze parti.

Nome cookie: _ga, _gid, _gat Durata: 2 anni, 24 ore, 1 minuto rispettivamente Provider: Google Analytics

Descrizione: I cookie di Google Analytics permettono di tracciare il comportamento degli utenti e di misurare la performance del sito. Per esempio, questi cookie distinguono tra utenti e sessioni e sono usati per calcolare le statistiche sui nuovi utenti e gli utenti di ritorno. Più informazioni: Link Google Analytics

Cookie di Google Analytics www.idfox.it include delle componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google Inc ("Google"). Si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo aggregato per monitorare e migliorare la performance dei nostri siti (cookie di analitici).

Come impostazione predefinita, Google Analytics usa i cookie per raccogliere e analizzare informazioni sul comportamento degli utenti sul sito, compreso il loro indirizzo IP. Questa informazione è raccolta da Google Analytics, che la processa al fine di preparare dei report sulle attività degli utenti sul sito.

Questo sito:

- usa l'anonimizzazione tramite mascheramento dell'indirizzo IP, così che Google Analytics rimuova le ultime 8 cifre dell'indirizzo IP dell'utente prima di memorizzare o usare il dato;

- non utilizza e non permette l'utilizzo alle terze parti dello strumento di analisi di Google per tracciare o raccogliere informazioni o dati sensibili. L'uso di questi cookie è soggetto a restrizioni contrattuali con Google, in cui è richiamato l'impegno di Google a utilizzare questi cookie solo per la fornitura del servizio, ad archiviarli separatamente e a non "arricchirli" o "incrociarli" con le altre informazioni disponibili.

Continuando la navigazione su questo sito, l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie e dichiara di aver compreso la presente cookie policy.

Disabilitazione dei cookie

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire - ad esempio - che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso.

Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni.

La disattivazione dei cookie di terze parti è inoltre possibile attraverso le modalità rese disponibili direttamente dalla società terza titolare per detto trattamento.

In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di opt out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.

Per avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente si rinvia al link:

https://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte

Ulteriori informazioni sul trattamento

Difesa in giudizio

I Dati Personali dell'Utente possono essere utilizzati per la difesa da parte del Titolare in giudizio o nelle fasi propedeutiche alla sua eventuale instaurazione, da abusi nell'utilizzo della stessa o dei servizi connessi da parte dell'Utente. L'Utente dichiara di essere consapevole che al Titolare potrebbe essere richiesto di rivelare i Dati su richiesta delle pubbliche autorità.

Informative specifiche

Su richiesta dell'Utente, in aggiunta alle informazioni contenute in questa privacy policy, questo Sito potrebbe fornire all'Utente delle informative aggiuntive e contestuali riguardanti servizi specifici, o la raccolta ed il trattamento di Dati Personali.

Log di sistema e manutenzione

Per necessità legate al funzionamento ed alla manutenzione, questo Sito e gli eventuali servizi terzi da essa utilizzati, potrebbero raccogliere Log di sistema, ossia file che registrano le interazioni e che possono contenere anche Dati Personali, quali l'indirizzo IP Utente.

Informazioni non contenute in questa policy

Maggiori informazioni in relazione al trattamento dei Dati Personali potranno essere richieste in qualsiasi momento al Titolare del Trattamento utilizzando le informazioni di contatto.

Esercizio dei diritti da parte degli Utenti

I soggetti cui si riferiscono i Dati Personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno degli stessi presso il Titolare del Trattamento, di conoscerne il contenuto e l'origine, di verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione, la cancellazione, l'aggiornamento, la rettifica, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei Dati Personali trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al Titolare del Trattamento.

Questo Sito non supporta le richieste "Do Not Track". Per conoscere se gli eventuali servizi di terze parti utilizzati le supportano, consulta le loro privacy policy.

Modifiche a questa privacy policy

Il Titolare del Trattamento si riserva il diritto di apportare modifiche alla presente privacy policy in qualunque momento dandone pubblicità agli Utenti su questa pagina. Si prega dunque di consultare spesso questa pagina. Nel caso di mancata accettazione delle modifiche apportate alla presente privacy policy, l'Utente è tenuto a cessare l'utilizzo di questo Sito e può richiedere al Titolare del Trattamento di rimuovere i propri Dati Personali. Salvo quanto diversamente specificato, la precedente privacy policy continuerà ad applicarsi ai Dati Personali sino a quel momento raccolti.

Informazioni su questa privacy policy

Il Titolare del Trattamento dei Dati è responsabile per questa privacy policy.

Definizioni e riferimenti legali

Dati Personali (o Dati)

Costituisce dato personale qualunque informazione relativa a persona fisica, identificata o identificabile, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale.

Dati di Utilizzo

Sono i dati personali raccolti in maniera automatica dal Sito (o dalle applicazioni di parti terze che la stessa utilizza), tra i quali: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dall'Utente che si connette al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier), l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta dal server (buon fine, errore, ecc.) il Paese di provenienza, le caratteristiche del browser e del sistema operativo utilizzati dal visitatore, le varie connotazioni temporali della visita (ad esempio il tempo di permanenza su ciascuna pagina) e i dettagli relativi all'itinerario seguito all'interno del Sito, con particolare riferimento alla sequenza delle pagine consultate, ai parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'Utente.

Utente

L'individuo che utilizza questo Sito, che deve coincidere con l'Interessato o essere da questo autorizzato ed i cui Dati Personali sono oggetto del trattamento.

Interessato

La persona fisica o giuridica cui si riferiscono i Dati Personali.

Responsabile del Trattamento (o Responsabile)

La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal Titolare al trattamento dei Dati Personali, secondo quanto predisposto dalla presente privacy policy.

Titolare del Trattamento (o Titolare)

La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali ed agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza, in relazione al funzionamento e alla fruizione di questa Applicazione. Il Titolare del Trattamento, salvo quanto diversamente specificato, è il proprietario di questo Sito.

Questo Sito

Lo strumento hardware o software mediante il quale sono raccolti i Dati Personali degli Utenti.

Servizio

Il Servizio fornito da idfox.it così come definito nei relativi termini (se presenti) su questo sito.

Unione Europea (o UE)

Salvo ove diversamente specificato, ogni riferimento all'Unione Europea contenuto in questo documento si intende esteso a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo.

Cookie

Piccola porzione di dati conservata all'interno del dispositivo dell'Utente.

Riferimenti legali

La presente informativa privacy è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679.

Ove non diversamente specificato, questa informativa privacy riguarda esclusivamente idfox.it.

 

 

Contattaci

IDFOX Srl

Via Luigi Razza, 4 20124 Milano

Telefono +39 02344223

E-mail max@idfox.it

 

 

 

 

 

Infedeltà Tradimento

SEDE: VIA LUIGI RAZZA 4 - 20124 MILANO - 300 MT STAZIONE CENTRALE - 50 MT MM GIALLA USCITA REPUBBLICA/PISANI P.IVA 09741640966 Telef.02-344223 (r.a.) www.idfox.it - mail: max@idfox.it

Infedeltà Tradimento

Tradimento con il Web